Loading...
You are here:  Home  >  IN PRIMO PIANO  >  Current Article

Alunni con cittadinanza non italiana. Tra difficoltà e successi. Rapporto nazionale 2013/2014

By   /  April 14, 2015  /  Comments Off

    Print       Email

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur) e la Fondazione Ismu hanno presentano il 14 aprile i dati del Rapporto “Alunni con cittadinanza non italiana. Tra difficoltà e successi. Rapporto nazionale 2013/2014”. Il rapporto rappresenta una fotografia dettagliata della popolazione scolastica con cittadinanza non italiana nell’anno scolastico 2013/2014. I dati confermano un costante e significativo incremento nelle iscrizioni degli alunni stranieri: dal 2001/02 al 2013/14 essi sono quadruplicati. I nati nel nostro paese costituiscono ormai la maggioranza di questi alunni. La Lombardia si conferma come la prima regione per maggior numero di alunni stranieri. Inoltre, si nota una maggior incidenza di ragazze nei licei tra i (pochi) stranieri rispetto a quelle presenti tra gli alunni italiani (70,1% a 60,7%); una forte presenza dei marocchini nelle scuole professionali (dove incidono per il 12,2% sul totale degli stranieri) piuttosto che nei licei (5,7%) e nell’istruzione artistica (3,7%). Nelle secondarie di secondo grado le incidenze più alte di frequentazioni di corsi serali sono tra peruviani (16%), brasiliani (15%), senegalesi (14%), egiziani (12%) e ecuadoriani (11%). La provincia con il maggior numero di scuole a maggioranza assoluta straniera è Prato (8%): 13, di cui 7 d’infanzia, su 170. Seguono le province di Piacenza (6%, cioè 14 su 246), Reggio Emilia (4%), Brescia, Mantova e l’area milanese-brianzola (3%).Elaborazioni Ismu-Miur su Dati Miur-

Il Rapporto è stato distribuito al seminario che si è tenuto martedì 14 aprile 2015, ore 14-16, a Milano presso la Sala Vismara, via Copernico 1 – Milano.
Il Rapporto è disponibile on line. Scarica il rapporto completo
Vai al comunicato stampa

    Print       Email