Loading...
You are here:  Home  >  IN PRIMO PIANO  >  Current Article

I minori stranieri in Italia sono oltre un milione

By   /  May 14, 2015  /  Comments Off

    Print       Email

Secondo gli ultimi dati divulgati dall’Istat sono 509mila le nascite in Italia nel 2014, una cifra che segna il minimo storico dall’Unità d’Italia. Con 5.000 nascite in meno rispetto all’anno precedente, si registra dunque un calo importante delle nascite nel nostro Paese, dovuto per la prima volta anche alla componente straniera della popolazione residente. Le nascite da almeno un genitore straniero sono state 104mila nel 2013, il 3% in meno rispetto all’anno precedente: in particolare “crollano” di quasi un quarto le nascite da padre straniero e madre italiana. L’ultimo dato disponibile al 1° gennaio 2014 rileva che i minori stranieri registrati nelle anagrafi italiane sono oltre 1 milione, più che raddoppiati in dieci anni. I dati mostrano andamenti oscillanti: crescite annue sostenute dal 2001 al 2009 (con punte del +19% tra il 2004 e il 2005), un rallentamento della crescita dal 2010, infine la ripresa negli ultimi anni (104mila minori stranieri in più nel 2014 rispetto all’anno precedente).

Oltre ai bambini nati in Italia da genitori stranieri residenti e a coloro che arrivano in Italia tramite procedure regolate di ricongiungimento familiare, sono sempre più numerosi i minori che hanno vissuto l’esperienza della migrazione illegale insieme ai genitori o giunti da soli via mare o attraverso le frontiere terrestri. I dati sulle richieste di asilo presentate da minori di 18 anni illustrano la portata del fenomeno: nel 2014 (anno record di domande di asilo) le richieste sono state 4.526, quasi il doppio rispetto all’anno precedente; oltre 2.500 hanno riguardato minori stranieri non accompagnati, le restanti 1.942 sono state presentate da minori giunti al seguito di almeno un familiare. Nei primi due mesi del 2015 sono già quasi un migliaio i minori richiedenti asilo, il 9% del totale richiedenti.
Per saperne di più: Papavero G., Minori e seconde generazioni, Fact sheet Ismu 2015

    Print       Email