Loading...
You are here:  Home  >  IN PRIMO PIANO  >  Current Article

Un piano d’azione per l’integrazione

By   /  June 23, 2016  /  Comments Off

    Print       Email

La Commissione europea ha presentato lo scorso 7 giugno un Piano di Azione (Action Plan on the integration of third country nationals) per supportare gli Stati Membri nell’implementazione di azioni inclusive di cittadini di paesi terzi al fine di valorizzare il contributo da loro offerto alle economie nazionali. Nel documento si ribadisce che l’integrazione è una precondizione per società inclusive, coese e prospere. Si sottolinea inoltre che investire e lavorare insieme per raggiungere tale obiettivo è una responsabilità e interesse comune di vari attori a livello europeo, nazionale, regionale e locale. In particolare il recente arrivo di richiedenti asilo ha messo in luce la necessità di un rafforzamento delle azioni ad oggi messe in campo. Sulla base dei più recenti dati Eurostat e OECD, il documento sottolinea che in Europa i cittadini di paesi terzi registrano condizioni peggiori rispetto agli autoctoni negli ambiti lavorativo, dell’educazione e dell’inclusione sociale. Alla luce di questo quadro critico, la Commissione suggerisce alcune aree chiave di intervento (policy priorities) e strumenti per supportare i processi di integrazione dei migranti in Europa. Le aree chiave di intervento individuate sono cinque:

1) le misure precedenti alla partenza e all’arrivo con particolare riguardo a coloro che beneficiano di programmi di reinsediamento;

2) l’istruzione;

3) l’occupazione e la formazione professionale;

4) l’accesso ai servizi di base in termini di adeguate condizioni abitative e accesso ai servizi sanitari;

5) la partecipazione attiva e l’inclusione sociale. Con riferimento a quest’ultimo punto il documento dedica una attenzione speciale alla questione di genere, alla situazione dei minori – in particolare i minori non accompagnati -, alle persone in una condizione di particolare vulnerabilità (vittime di violenza di genere, persone appartenenti a minoranze etnico-religiose).

Nelle conclusioni la Commissione europea ribadisce l’importanza di monitorare gli esiti delle politiche di integrazione attraverso lo sviluppo di specifici indicatori.
Ulteriori informazioni e documenti sono scaricabili qui 

Scarica l’Action Plan on the integration of third country nationals

    Print       Email