Loading...
You are here:  Home  >  IN PRIMO PIANO  >  Current Article

I minori stranieri non accompagnati in Italia nel 2016

By   /  January 26, 2017  /  Comments Off

    Print       Email

Sono oltre 25mila i minori che soli hanno attraversato il mare per raggiungere l’Italia nel 2016, più del doppio di quanti ne erano sbarcati nel 2015, anno record di sbarchi nel Mediterraneo e anno di grave crisi in Europa in relazione ai consistenti flussi di profughi e richiedenti asilo provenienti dal Medio Oriente e dall’Africa. I minori non accompagnati hanno rappresentato nel 2016 il 14,2% di tutti gli arrivi via mare (181mila tra uomini, donne e minori), mentre costituivano l’8% nel 2015 e il 7,7% nel 2014. Al contrario sono diminuiti i minori arrivati in Italia con i genitori: 13mila nel 2014 (molte le famiglie siriane), mentre 2.400 nel 2016. Considerando l’intero collettivo dei minori sbarcati (accompagnati e non) si osserva come il peso relativo della componente dei non accompagnati sia anch’esso andato crescendo nel tempo: nel 2014 essi costituivano il 49% del totale, nel 2015 il 75% (su 16.500) mentre nell’anno appena concluso sono il 92% degli oltre 28mila minori sbarcati, a testimonianza di una migrazione prevalentemente individuale di giovani quasi-adulti originari soprattutto dal continente africano. Il dettaglio delle nazionalità dei giovani migranti che arrivano in Italia evidenzia una provenienza tutta africana: al primo posto in graduatoria i giovani eritrei (3.714 pari al 15,4%), seguono gambiani e nigeriani.

Sono questi i principali dati elaborati e diffusi dalla Fondazione ISMU in occasione della Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, celebrata lo scorso 18 gennaio e dedicata quest’anno ai migranti minorenni vulnerabili e senza voce. Leggi il comunicato sui minori stranieri non accompagnati qui.

Preso atto dell’importanza che il tema dei minori stranieri non accompagnati sta assumendo negli ultimi anni, la Fondazione Ismu ha deciso di aprire da quest’anno una specifica linea strategica di monitoraggio e di analisi di questo fenomeno. Si veda qui.

    Print       Email